L Inquisitore

Il contenuto di questa pagina utilizza materiali presi dall'articolo L'Inquisitore della Dragon Age Wiki italiana su FANDOM e sono rilasciati su licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo.

L'Inquisitore
{$caption}
Personaggio
Informazioni
Razza Umano, Elfo, Nano, o Qunari
Sesso Maschio o Femmina
Classe Guerriero, Ladro o Mago
Titoli Inquisitore
Araldo di Andraste
Sua eminenza
Conte/Contessa di Kirkwall (condizionale)
Inquisitore Primo Disgelo (condizionale)
Affiliazione Inquisizione
Amici di Jenny la Rossa (condizionale)
Specializzazione - - -
Missioni - - -
Famiglia - - -
Voce Alix Wilton Regan (voce femminile britannica)
Sumalee Montano (voce femminile americana)
Harry Hadden-Paton (voce maschile britannico)
Jon Curry (voce maschile americano)
Attore - - -
Apparizioni Dragon Age: Inquisition

"Per quasi mille anni, il mondo credette che fosse nelle mani del Creatore. E ora molti credono che tu sia l'agente della sua volontà. Qualunque sia la verità, quella fede ti dà potere."
Vivienne all'Inquisitore

L' Inquisitore, conosciuto a molti Theodosiani come l'Araldo di Andraste, è il personaggio giocante protagonista di Dragon Age: Inquisition. Il giocatore ha la possibilità di scegliere la razza, il genere, la classe, il nome e la voce del personaggio.

Coinvolgimento

Dragon Age: Inquisition

square.jpg

Il Velo si è strappato attraverso il Thedas. L'Inquisitore è l'unico sopravvissuto a uno strappo, riferito come "il Varco", che accadde durante una conferenza di pace tra i leader della Chiesa, l'Ordine dei Templari, e i Maghi Ribelli nel Tempio delle Sacre Ceneri. Dopo essersi trovato nell'Oblio con alcuna memoria circa come ci è arrivato, l'Inquisitore ricorda di essere stato seguito da creature giganti a forma di ragno. L'Inquisitore nota poi di aver ricevuto un misterioso marchio nel palmo della sua mano sinistra, che si attiva quando raggiunge un'entità spirituale femminile. Emergendo dal Varco, l'Inquisitore sviene e viene catturato dalle forze della Chiesa. L'Inquisitore viene interrogato da Cassandra Pentaghast e Leliana. Egli viene accusato di aver causato il Varco e le morti provocate con esso, in quanto è l'unico sopravvissuto, e il marchio è collegato all'incidente. Il marchio dell'Inquisitore si allarga ogni volta che il Varco si espande - uccidendolo quindi lentamente. Eppure ha anche il potere di chiudere gli Squarci nell'Oblio.
A causa dell'abilità unica dell'Inquisitore, Cassandra porta l'Inquisitore a tentare di chiudere il Varco. Nel sito del primo Squarcio dell'Oblio, un eco del passato rivela all'Inquisitore che era presente quando la Divina Justinia V è stata catturata da una figura maschile sconosciuta, e che ha chiesto aiuto all'Inquisitore, ma egli non ha memoria di questo evento. L'Inquisitore dunque usa il proprio potere del marchio per fermare la crescita del Varco, ma non per chiuderlo. Tempo dopo, le persone che hanno assistito alle azioni dell'Inquisitore, così come coloro che hanno sentito il suo racconto di uno spirito femminile che si è proteso a lui per dargli il potere del marchio, credono che l'entità sia Andraste, e che l'Inquisitore sia l'Araldo di Andraste. Molti vedono l'Inquisitore come simbolo di speranza mentre altri lo incolpano per aver causato per primo il Varco. L'Inquisitore viene poi introdotto alla rinascita dell'Inquisizione e dà il suo ausilio a rafforzare l'influenza dell'Inquisizione, chiudendo squarci e ponendo fine al caos.

Image Unavailable
L'incoronazione di una femmina1 inquisitrice umana come leader dell'Inquisizione.2

Dopo essersi alleati o aver coscritto i maghi ribelli o i templari, l'Inquisitore è in grado di chiudere il Varco. Ma la vittoria dura poco, in quanto Haven viene attaccata dalle forze di Corypheus. L'Inquisitore lo distrae quanto basta per permettere al villaggio di evacuare, prima di causare una valanga che sotterri l'armata nemica. Quando l'Inquisitore si riunisce all'Inquisizione, l'Araldo li guida a Skyhold, dove l'Inquisitore viene ufficialmente dichiarato loro leader.

Nel 9.41 dell'Era del Drago, la Fortezza di Adamant è nuovamente occupata da Custodi Grigi Orlesiani, alleati con i Venatori. Sacrificando i propri guerrieri, i Custodi maghi stregati iniziano a evocare demoni, apparentemente per marciare nelle Vie Profonde e uccidere gli Antichi Dei. Tuttavia, la fortezza viene assediata dall'Inquisizione, a causa dei Custodi che danno rifugio al Magister Livius Erimond, un membro dei Venatori. Quando l'Inquisitore, Hawke e un Custode alleato raggiungono la Comandante dei Custodi Clarel, sono in grado di convincerla che Erimond è in combutta con Corypheus, un antico prole oscura. Nella battaglia seguente, l'Inquisitore, Hawke e il Custode alleato con il loro gruppo fuggono nell'Oblio.

Image Unavailable
Una nana Inquisitrice con Solas e Cassandra che guardano verso Skyhold.

Lì incontrano uno spirito che assume le sembianze della Divina Justinia V, e che si rivela essere lo stesso spirito che si credeva fosse Andraste a guidare l'Inquisitore fuori dal Varco nel momento in cui era inseguito dai demoni. Lo spirito informa brevemente l'Inquisitore che sono nel reame di un demone Incubo che sta controllando i Custodi Grigi maghi e che l'Inquisitore deve recuperare le memorie che gli sono state rubate. Mentre l'Inquisitore recupera queste memorie, comincia a ricordare come la mortale Divina sia collegata ai Custodi Grigi e sacrificata per dare energia a una sfera[orb]. L'Inquisitore aveva interrotto quel rituale e quando Corypheus ha perso il controllo della sfera, l'Inquisitore l'ha raccolto ricevendo il marchio. Dopo la fuga dall'Oblio grazie all'aiuto dello spirito, con Hawke o il Custode alleato lasciati indietro per combattere il demone Incubo, l'Inquisitore ha l'opzione di allearsi con i Custodi sopravvissuti o esiliarli da Orlais.

L'Inquisitore partecipa a un ballo tenuto dall'Imperatrice Celene I nel suo Palazzo d'Inverno ad Halamshiral dopo aver appreso di un attentato alla sua vita. Le azioni dell'Inquisitore risolvono la Guerra Civile Orlesiana, e decide chi detiene il trono di Orlais.

Nel 9.42 dell'Era del Drago, Corypheus viene inseguito al Tempio di Mythal nelle Selve Arboree, dove tenta di ottenere la conoscenza per usare la rete di eluvian e rientrare nella Città Nera. L'Inquisitore sventa i suoi piani, e in un atto di disperazione Corypheus si ritira al Tempio delle Sacre Ceneri per riaprire il Varco. L'Inquisitore finalmente sconfigge Coryhpheus abbattendo il suo drago di lyrium rosso, e impedendo così l'abilità di Corypheus di trasferirsi in altri corpi. L'Inquisitore finisce Corypheus usando l'Ancora, il marchio, per bandirlo nell'Oblio, distruggendo il suo corpo nel processo. Dopo di che chiude nuovamente il Varco, ponendo fine alla minaccia per sempre.

Fauci di Hakkon

Dopo che l'Inquisizione stabilisce la propria presenza nella Conca Gelida, l'Inquisizione viene incitata dai ritrovamenti archeologici del professor Bram Kenric per scoprire il destino dell'Inquisitore Ameridan - il predecessore dell'Araldo. L'Araldo si unisce alla tribù Avvar di Roccia Ursina e scopre che la fazione ostile Fauci di Hakkon sta tentando di liberare il loro dio prigioniero, Hakkon Wintersbreath, su tutto il Thedas per vendetta. L'Inquisizione scopre che Ameridan ha trattenuto il corpo del drago posseduto da Hakkon con un incantesimo del tempo, e dopo che i suoi vincoli magici si sciolgono - passa il compito di finire il lavoro all'Araldo. L'Araldo sventa i piani degli hakkoniti e uccide il drago posseduto da Hakkon.

The Descent

Dopo la battaglia di Haven, una serie di terremoti violenti attanaglia la regione della Costa Tempestosa. In genere non sarebbe stato portato all'attenzione dell'Inquisitore, ma i terremoti non stanno diminuendo, e minacciano il commercio vitale di lyrium con i nani di Orzammar, distruggendo i tunnel minerari e causando vittime. All'Inquisitore viene chiesto di incontrare sul luogo un Modellatore di nome Valta.

L'Inquisizione discende nelle Vie Profonde per cercare la causa del peggioramento dei terremoti con Valta e un Legionario dei Morti chiamato Renn. Lungo la strada combattono i mostruosi prole oscura e i guardiani Sha-Brytol. Renn diviene vittima di un'imboscata da parte dei Sha-Brytol. Durante la loro avventura, scoprono che la fonte dei terremoti è un Titano che si è recentemente agitato. Valta svela informazioni sugli antichi titani da incisioni di lyrium vecchio, e mette insieme la sua relazione con il lyrium e gli Sha-Brytol. Eventualmente raggiungono una caverna verdeggiante che si ipotizza essere l'interno del titano stesso. Al cuore della caverna vi è una massiccia pietra di lyrium grezzo che colpisce Valta con energia di lyrium e le fa perdere conoscenza. Rocce e pietre creano un'armatura attorno al lyrium grezzo formando un guardiano che l'Inquisitore sconfigge.

Dopo la sua sconfitta, Valta riprende conoscenza ma è addolorata da una canzone rumorosa, finché non rilascia un'ondata di forza telecinetica. Valta rivela che l'esplosione di energia del lyrium grezzo ha stabilito una connessione tra lei e il titano. Svela che il titano era disturbato dal Varco, ma sembra essersi calmato ora che si è a contatto con uno dei suoi "figli". Valta arriva a credere che tutto ciò che è accaduto è andato secondo i piani del titano. Nonostante ammetta che ora è diversa, rassicura l'Inquisitore che è la stessa modellatrice di un tempo e desidera rimanere nella caverna verdeggiante per comunicare con il titano. L'Inquisitore rispetta la decisione di Valta di rimanere con il Titano, e le dice di stare attenta prima che le loro strade si separano.

Intruso

square.jpg

Due anni dopo la sconfitta di Corypheus, rappresentanti dal Ferelden, Orlais, e la Chiesa formano un Sacro Concilio per negoziare con l'Inquisizione e controllare la sua influenza. Ad aumentare i problemi dell'Inquisitore, vi è l'Ancora magica che inizia ad essere nuovamente instabile e minaccia la vita dell'Inquisitore.
Nel bel mezzo dei colloqui, l'Inquisitore viene avvisato da una guardia elfo dell'Inquisizione in privato con Leliana, che rivela di aver scoperto il cadavere di un guerriero Qunari Antaam completamente armato. L'Inquisitore investiga la minaccia dei Qunari, finché non scopre un ex templare umano divenuto Viddathari nelle Vie Profonde e circondato da Qunari. L'ex templare si fa chiamare Ser Jerran, e rivela che gli agenti di Fen'Harel stanno ostacolando i Qunari. Sostiene anche che i Qunari credono che l'Inquisizione faccia parte degli agenti di Fen'Harel. Jerran sembra diffidente del suo superiore Viddasala, la mente dietro un piano chiamato "Soffio del Drago". Jerran è convinto che lei intenda conquistare il sud del Thedas e sta estraendo Lyrium per supportare i suoi Saarebas così come fare uso degli Eluvian per i loro scopi. L'Inquisitore distrugge eventualmente la miniera della Viddasala e riporta l'accaduto al consiglio di guerra per discutere di questi eventi.

Più tardi, l'Inquisitore viene avvisato che una guardia elfo dell'Inquisizione ha trattenuto un servo elfo Orlesiano che trasportava dei barili sospetti. L'Inquisizione inizia ad esercitare la sua influenza per controllare la situazione, con il dispiacere del Sacro Concilio. Leliana rivela che il servo trattenuto stava in effetti trasportando barili di gaatlok, apparentemente per assassinare ogni nobile del Consiglio privando al sud del Thedas dei suoi leader nel momento in cui i Qunari avrebbero iniziato l'invasione. L'Inquisitore insegue la Viddasala mentre gli agenti di Leliana rimuovono i barili di gaatlok posizionati in tutto il Thedas.

Quando l'Inquisitore si confronta con la Viddasala, ella lo accusa di brandire una magia pericolosa, perciò va eliminato per il bene superiore. Rivela anche che i Qunari hanno pianificato di assassinare i loro leader per poi indottrinare coloro che sarebbero rimasti dopo essere stati conquistati, ma un agente di Fen'Harel ha interrotto il loro piano ed ora sono costretti a ricorrere alla conquista attraverso la guerra. Inoltre, sembra che l'Inquisizione sia implicata nei piani dei Qunari in quanto i Qunari hanno utilizzato le risorse dell'Inquisizione per trasportare i barili di gaatlok, rivelando che i ranghi dell'Inquisizione sono corrotti da spie e sabotatori elfici Qunari.

Mentre l'Inquisitore insegue la Viddasala attraverso gli eluvian, ella rivela che Solas è un agente di Fen'Harel e che la sua ingerenza è ciò che ha sconvolto i piani dei Qunari per convertire il Thedas meridionale. Quando l'Inquisitore finalmente raggiunge Solas, trova la Viddasala e i suoi seguaci sconfitti e pietrificati da Solas. Solas dunque usa la sua magia per stabilizzare l'Ancora dell'Inquisitore, così che possano avere un po' di tempo per parlare.

Solas rivela di aver accumulato una rete di spie e agenti, e che molte delle sue spie sono a sua volta introdotte tra i ranghi dell'Inquisizione, in questo modo ha scoperto il piano dei Qunari di voler invadere il Thedas meridionale. Ha fatto saltare i loro piani facendo sì che i suoi agenti aiutassero con discrezione l'Inquisitore a scoprire l'invasione dei Qunari.

I Qunari invasori, il Respiro del Drago, lo hanno seguito come un agente di Fen'Harel, ma Solas si è rivelato inafferrabile poiché ha totale controllo degli Eluvian e il suo potere è cresciuto così tanto da poter pietrificare i nemici con il pensiero. Solas rivela di non essere un agente ma difatti è il Temibile Lupo in persona. Rivela all'Inquisitore come ha combattuto gli Evanuris dopo che hanno tradito e assassinato Mythal, a parole sue l'unico dio elfico che serviva come voce della ragione, che aveva cura e amava i suoi seguaci. Come punizione egli ha innalzato il Velo e ha bandito gli Evanuris nell'Oblio, nonostante il danno irrevocabile su Elvhenan come risultato. Da quel momento in poi ha giurato di percorrere il sentiero solitario di Din'Anshiral per ripristinare il popolo elfico a prescindere dal prezzo che il Thedas dovrà pagare, e non può essere convinto altrimenti nemmeno se romanticamente coinvolto.

Egli avverte l'Inquisitore l'inevitabilità che un'organizzazione grande come quella dell'Inquisizione divenga corrotta, e che di fatto lo è già, prima che l'Ancora divenga nuovamente insopportabile. Intanto che l'Inquisitore si piega dal dolore, può dichiarare a Solas che cercherà di fermare lui e il suo piano a qualsiasi costo, o che tenterà di riscattarlo per mostrargli che il mondo che esiste ora vale la pena di essere salvato. A quel punto Solas usa la sua magia per recidere l'avambraccio sinistro dell'Inquisitore, impedendo all'Ancora di ucciderlo.3 Egli consiglia poi all'Inquisitore di godersi il tempo che ha ancora a disposizione, per poi partire di nuovo. Se romanticamente coinvolto con un'Inquisitrice elfa, la chiamerà "amore" per poi baciarla un ultima volta, dicendole che la ricorderà per sempre, prima che se ne vada.

L'Inquisitore ritorna al Sacro Concilio per decidere il fato dell'Inquisizione con il proprio braccio sinistro amputato. L'Inquisitore può decidere di rendere l'Inquisizione una guardia onorevole della Divina Victoria, o semplicemente scioglierla. Più tardi, l'Inquisitore si incontrerà con il concilio di guerra per discutere del piano di Solas, e decide di sventarlo trovando agenti di cui non è a conoscenza. L'Inquisitore trafigge con un pugnale l'Impero Tevinter sulla mappa di guerra.

Creazione del personaggio

640?cb=20190202160042&path-prefix=it

Il giocatore inizia selezionando il sesso, la razza (umano, elfo, nano o qunari), la voce, e la classe (guerriero, ladro o mago) per l'Inquisitore. (La classe del mago non è disponibile per i nani).

Origini

Voci

Cognome

Nome

Poteri Unici

Curiosità

Navigazione

Categorie



Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License